INFO COVID-19
Ricerca Vacanza

Struttura o località o descrizione:

Tipo Vacanza:

Regione:

Tipologia Camera:

Check-in:                     Check-out:
N° Adulti:                     N° Bambini:

Ricerca avanzata

Newsletter

 

CASERTAVECCHIA E MERCATINI DI NATALE LIMATOLA

Campania - Limatola (BN)

[DOMENICA 06 DICEMBRE 2020] CASERTAVECCHIA E MERCATINI DI NATALE LIMATOLA - Visita guidata del borgo + biglietto di ingresso al Castello + trasporto in Pullman GT

Partenza: Formia - Caserta


Prezzo Acconto
Adulti: 30 € 15 €
Partenza:  
TOTALE  

 "Casertavecchia e i Mercatini di Natale di Limatola"
Domenica 06 Dicembre 2020
25€ per persona

Programma

Domenica 06 Dicembre 2020

Ritrovo dei partecipanti e partenza da Formia (Porto Levante) ore 08.00 per Casertavecchia.
Visita del borgo, Chiesa di San Rocco, Castello medievale (esterno), Chiesa dell'Annunziata, Duomo e passeggiata per le stradine. Pranzo libero.
Trasferimento a Limatola. Ingresso al Castello per la visita di uno dei più famosi Mercatini di Natale "Cadeaux al Castello" in una magica atmosfera natalizia, tra addobbi natalizi, musiche natalizie, giocolieri e tante altre attrazioni.
In serata partenza per il rientro a Formia

La quota comprende

Trasporto in pullman GT
Visita guidata del borgo
Biglietto di ingresso al Castello
Accompagnatore Daylighttour per tutta la durata del viaggio

La quota non comprende

Tutto quanto non espressamente indicato nel paragrafo "La quota comprende"
Mance (1€ per persona)
 

* Partenze da: Formia (Porto Levante) ore 08:00, Caserta (Casello Caserta Nord) ore 09:15
 

Informazioni per il viaggiatore

- E’ di rilevante importanza cogliere la differenza tra accompagnatore e guida turistica locale. L’accompagnatore, in linea generale, segue ed assiste il gruppo dall’inizio al termine del tour organizzato. Si adopera affinchè il tour si svolga regolarmente e si assicura che tutti i servizi acquistati dal cliente siano erogati, gestendo gli orari degli appuntamenti programmati e svolgendo le mansioni amministrative e burocratiche in loco, oltre ad essere il punto di riferimento per tutto il gruppo. Nello specifico, le visite previste da programma sono affidate alla competenza di guide turistiche locali autorizzate e parlanti italiano, che forniscono informazioni storico-culturali sul paese che si sta visitando.
 
-  Per motivi organizzativi, è possibile che l'ordine degli ingressi, delle visite guidate e delle escursioni in programma possa subire modifiche senza preavviso, non gravando sul regolare svolgimento del tour.

- La categoria degli hotel scelta per i nostri tour è 3 stelle sia per le destinazioni nazionali che per quelle internazionali. 
E’ da considerare che gli hotel (più frequentemente nei Paesi esteri) non sono sempre dotati di ristorante interno, per cui i pasti serali potrebbero essere consumati in ristoranti convenzionati con gli stessi.

- Per le destinazioni internazionali, non sono da sottovalutare usi e costumi. Infatti, date le notevoli differenze tra Paese e Paese, ogni viaggio richiede capacità di adattamento alle diversità, tra le quali, in primis, è da segnalare la ristorazione, che molto si distacca da quella italiana.

- Si prega il gentile viaggiatore di segnalare al momento della prenotazione intolleranze, allergie alimentari o celiachia. 
Qualora questi particolari regimi alimentari fossero segnalati a pochi giorni dalla partenza o il giorno stesso, non si potrà garantire che hotels e ristoranti siano in grado di soddisfare tali esigenze.

- I tour prevedono quasi esclusivamente visite guidate a piedi in centri storici, musei e siti archeologici, ragion per cui si consiglia di valutare con attenzione gli itinerari prima di effettuare la prenotazione e di considerare che siano affrontabili fisicamente in base alle proprie esigenze. 

- In base al Regolamento Europeo 561/2006, in vigore dal mese di Aprile 2007, gli autisti devono necessariamente osservare 9 ore di riposo durante la notte per 3 giorni settimanali e 12 ore di riposo durante la notte per altri 3 giorni settimanali. 
Nel caso in cui si voglia ulteriormente approfondire la visita delle città oltre l’orario di visita previsto da programma, si potrà farlo liberamente utilizzando mezzi pubblici e/o taxi.

-  In tutti i programmi, per ogni punto di carico è abbinato il relativo orario di partenza, da considerarsi come indicativo e soggetto a modifiche. 

 

Nello specifico, la conferma definitiva della partenza, il relativo orario ed il riferimento telefonico dell’accompagnatore DLT Viaggi, saranno forniti telefonicamente da un operatore, che contatterà il nostro viaggiatore diversi giorni prima della partenza per le ultime informazioni utili.

Il Borgo di Casertavecchia

Casertavecchia (frazione di Caserta) è un borgo medievale che sorge alle pendici dei monti Tifatini a circa 401 metri di altezza e a 10 km di distanza in direzione Nord-Est di Caserta. Le origini di Casertavecchia sono ancora incerte, ma secondo alcune informazioni estrapolate da uno scritto del monaco benedettino Erchemperto, già nell'anno 861 d.C. esisteva un nucleo urbano denominato "Casahirta" (dal latino casa che significa villaggio e hirta che significa aspra).Il borgo ha subito nel corso della storia varie dominazioni.Originariamente appartenente ai Longobardi, fu ceduto nel 879 al Conte Pandulfo di Capua.A seguito delle incursioni saracene e alle devastazioni di Capua, gli abitanti e il clero delle zone circostanti trovarono in Casertavecchia, protetta dalle montagne, un rifugio sicuro.In questo periodo la popolazione aumentò in modo così considerevole da determinare il trasferimento della sede vescovile all'interno del borgo.Nel 1062 ebbe inizio la dominazione normanna che portò il paese al massimo livello di splendore con la costruzione dell'attuale cattedrale, consacrata al culto di San Michele Arcangelo. Con alterne vicende il borgo passò sotto la dominazione sveva con Riccardo di Lauro (1232-1266), il quale accrebbe l'importanza del borgo anche da punto di vista politico.Nel 1442 il borgo passò sotto la dominazione aragonese, iniziando così la sua lunga e progressiva decadenza: a Casertavecchia restarono solo il vescovo e il seminario.Con l'avvento dei Borboni e la costruzione della Reggia, Caserta diventa il nuovo centro di ogni attività a scapito di Casertavecchia, alla quale, nel 1842, viene tolto il vescovado, anch'esso trasferito a Caserta. Il borgo di Casertavecchia è meta di interesse turistico per via del Duomo, del campanile, dei resti del castello e delle strade dell'intero borgo che ricordano lo splendore di un tempo che fu.Lo splendido panorama fruibile in molti punti del borgo, i numerosi locali e pizzerie fanno si che spesso gli abitanti dei dintorni vadano a trascorrere il sabato sera nelle vie del borgo.Manifestazioni folkoristiche come Il ritorno dei cavalieri nel Borgo e Settembre al Borgo, che si svolgono annualmente nel periodo estivo, hanno contribuito alla rivalutazione del territorio

Il Castello di Limatola

Il Castello di Limatola è sito nella parte alta del centro storico, su di una collina, in posizione strategica.Venne edificato dai normanni sui resti di una torre longobarda. Già nell’842 d.C. il conte longobardo Landolfo di Caserta vi riportò una vittoria contro i beneventani.
Nel XIV secolo fu possedimento prima dei Cantelmo e poi dei D’Artus.Il secolo successivo fu feudo dei de la Rath (poi italianizzato in Della Ratta).Nel Cinquecento appartenne ai de Capua, ai Mastelloni e ai Gambacorta.Nel 1532 le famiglie erano centonovantasei che arrivarono a duecentosettantasette nel 1561 e che diminuirono fino a centododici dopo la peste del 1656.ll Castello di Limatola è uno dei più interessanti esempi di architettura fortificata medievale, che nel 2020 raggiungerà la soglia dei 1000 anni di esistenza.Le sue mura hanno custodito le vicende delle famiglie degli Angioini, Aragonesi,Sanseverino, sono state il palcoscenico dei fasti del ’700 e testimoni del soggiorno strategico di Garibaldi.Nei secoli vi hanno dimorato donne potenti come la Duchessa Margherita De Tucziaco, la leggiadra Contessa di Caserta Anna Gambacorta e la coltissima Contessa Aurelia D’Este.Nel rinascimento importanti lavori di ristrutturazione lo trasformarono da architettura militare a dimora signorile, pur conservando alcune caratteristiche difensive.Dopo decenni di abbandono l’edificio è stato restaurato nel 2010 ed ospita un albergo ristorante.Il castello è circondato da una cinta muraria intervallata da torri circolari dotate di scarpata fino all’altezza del cornicione.La cappella palatina dedicata a san Nicola conserva un crocifisso d’epoca.Alcune sale sono decorate da affreschi prevalentemente del XVIII secolo.Il Castello di Limatola si erge maestoso da una morbida altura su un magnifico panorama che raccoglie la vista del Matese e del Taburno, a circa 8 Km dalla Reggia di Caserta e a 27 Km da Napoli.Il Castello di Limatola è uno dei più interessanti esempi di architettura fortificata medievale, che nel 2020 raggiungerà la soglia dei 1000 anni di esistenza.Il Castello, da sempre dimora di pregio, è oggi stato restituito al suo antico splendore, grazie all’opera di restauro svolta dalla Cosystem Srl della famiglia Sgueglia, proprietaria della struttura.I Lavori hanno avuto l’alta sorveglianza della soprintendenza Bappsae di Caserta e Benevento.Il Castello di Limatola è anche un polo museale dedicato all’ artista cinquecentesco Tolentino, infatti, oltre al suo affresco presente nella torre, si aggiunge un Polittico commissionato nel 1527 dalla Famiglia Gambacorta. L’importante testimonianza sarà ospitata tra le mura della fortezza in attesa della definitiva sistemazione nel Museo Diocesano di Caserta.In un’ ala del Castello è allestita la Mostra “Il Castello di Limatola e la Battaglia del
Volturno”. L’esposizione pittorica narra degli avvenimenti del 1° Ottobre 1860, tra i più significativi dell’epopea garibaldina. Il Castello di Limatola è anche un polo museale dedicato all’ artista cinquecentesco.
Voto medio:

da Giovanni Z. - 06/12/2019, alle 20:14
Bene grazie!


da Annalisa B. - 06/12/2019, alle 09:22
Viaggio organizzato bene. Accompagnatore preciso e disponibile.


da LUIGINO C. - 09/12/2017, alle 14:53
Abbastanza soddisfatto del viaggio


da Marisa C. - 08/12/2017, alle 09:08
Bellissimo giro. La disorganizzazione del rientro al pullman è da imputare esclusivamente all'organizzazione del castello.


da Domenico Antonio M. - 08/12/2017, alle 08:44
Tutto bene, nonostante la pioggia. Al prossimo viaggio!


da GIAMPIERO A. - 08/12/2017, alle 08:41
Personale DLT disponibile (Rosalinda) e guida turistica preparata.Nell'insieme tutto bene e due posti fantastici..A presto per un altro viaggio insieme


da Loredana M. - 08/12/2017, alle 08:29
Le navette del comune hanno rovinato una bellissima gita...la vostra organizzazione invece ottima!!

Strutture nelle vicinanze

Newsletter



oppure
oppure