INFO COVID-19
Ricerca Vacanza

Struttura o località o descrizione:

Tipo Vacanza:

Regione:

Tipologia Camera:

Check-in:                     Check-out:
N° Adulti:                     N° Bambini:

Newsletter

 

LIVIGNO, ST. MORITZ E TRENINO ROSSO DEL BERNINA

Lombardia - Aprica (SO)

ds

LIVIGNO, ST. MORITZ E TRENINO ROSSO DEL BERNINA - 4 notti mezza pensione + bevande + 1 pranzo in ristorante + visite guidate + biglietto Bernina + ingressi come da programma+ trasferimenti in pullman GT

Possibile il pagamento a rate

Partenza: Caserta - Formia - Cassino - Frosinone - Roma


Cliccando sull'immagine è possibile visualizzare le riduzioni valide per quel periodo
DAL - AL DAL AL PARTENZA N° NOTTI TIPOLOGIA COSTO
08/12/2021
12/12/2021
08/12/2021 12/12/2021 Mer 4 STANDARD 1
- doppia - tripla
450
x persona
Mer 4 STANDARD 14
- singola
520
x persona

 

   LIVIGNO, ST MORITZ E TRENINO ROSSO DEL BERNINA

(Livigno, St Mortiz, Trenino Rosso del Bernina, Sirmione)

Dal 08 al 12 Dicembre 2021

450 € per persona
Sppl. Camera singola 80€

Documento ingresso: Carta di identità valida per l'espatrio o passaporto in corso di validità
Lingua ufficiale: tedesco in Svizzera
Moneta: Franco svizzero (CHF) in Svizzera

Completamente immerso nella natura, il cosiddetto “Trenino Rosso” parte da Tirano fino a giungere a St. Moritz. Durante questo suggestivo viaggio in treno, il viaggiatore potrà ammirare laghi, ruscelli, animali di varie specie e paesaggi alpini meravigliosi.
Che sia d'estate con la fitta vegetazione verde intenso e il cielo azzurro, d'autunno con l'imperdibile spettacolo del foliage oppure in inverno immersi in una suggestiva neve scintillante, questo percorso sarà una magia dal sapore d'altri tempi che fa sognare ad occhi aperti!

Programma

1° GIORNO: APRICA

Ritrovo dei partecipanti a Formia (Molo Vespucci) ore 06.00, incontro con accompagnatore DLT Viaggi e partenza in bus GT per Aprica.
Soste durante il viaggio, di cui una prevista per il pranzo libero
Arrivo in hotel nel pomeriggio e sistemazione nelle camere riservate. In serata cena e pernottamento.

2° GIORNO: TRENINO ROSSO DEL BERNINA - ST MORITZ

Prima colazione in hotel e  partenza con il Trentino Rosso del Bernina da St.Moritz a Tirano, per uno spettacolare ed indimenicabile percorso ferroviario. Un viaggio mozzafiato di due ore e mezza tra boschi, laghetti alpini, ghiacciai e tipici villaggi svizzeri.
Visita guidata della cittadina situata a 1856m s.l.m. al centro del magnifico paesaggio dei laghi engadinesi, una delle località turistiche più famose del mondo per eleganza ed esclusività. Pranzo libero in corso di escursione. Nel pomeriggio partenza per il rientro in hotel. In serata cena e pernottamento.

3° GIORNO: LIVIGNO

Prima colazione in hotel e partenza per Livigno. Visita libera della città e tempo libero a disposizione per lo shopping e la visita dei mercatini di Natale.
Pranzo in ristorante e pomeriggio libero.
In serata rientro in hotel, cena e pernottamento.

4° GIORNO: SIRMIONE

Prima colazione in hotel e partenza per Sirmione, uno dei borghi più belli sul Lago di Garda e rinomata località termale. Visita guidata del caratteristico centro storico, partendo dal punto di accesso, ovvero la porta dell'affascinante Castello Caligero, che domina il paesaggio e rende l'atmosfera del borgo romantica e suggestiva. Pranzo libero.In serata trasferimento in hotel, cena e pernottamento.

5° GIORNO: RIENTRO

Prima colazione in hotel e partenza per il rientro. Soste durante il viaggio. Arrivo previsto a Formia in serata.


La quota comprende

Trasferimento in bus GT 
N. 4 Pernottamenti in hotel 3* stelle, con trattamento di mezza pensione (prima colazione e cena, bevande incluse ai pasti)
N. 1 Pranzo in ristoranti
Visite guidate e ingressi (come da programma)
Accompagnatore DLT Viaggi per tutta la durata del viaggio  

La quota non comprende 

Pranzi non inclusi nella quota comprende
Assicurazione annullamento viaggio facoltativa (pari al 3% del costo del pacchetto)
Eventuale tassa di soggiorno da pagare in loco
Mancia obbligatoria (5 € per persona)

 * Partenze da: Caserta (uscita casello Caserta Nord) ore 05.00, Formia (Molo Vespucci) ore 06.00, Cassino (area Varlese) ore 06.40, Frosinone (Bar Canarino) ore 07.30, Roma (Uscito Metro Anagnina) ore 08.45

 

 

Sirmione

La città più meridionale del più grande lago d'Italia è un importante centro di cultura e cura. La penisola si innalza a circa 30 m sopra il lago e offre un incredibile panorama. Sirmione è famosa per il fascino unico esercitato dal sul centro storico, con i suoi vicoli stretti e irregolari, per i Bagni Termali di Catullo, per le chiese di Santa Maria Maggiore e di San Pietro in Mavino, per le rovine della villa romana del poeta Catullo, conosciuta come La Grotta di Catullo. A Colombare di Sirmione si svolge ogni lunedì il mercato settimanale mentre a Lugana di Sirmione si svolge il venerdì. Questi invitano a fare un giretto per ammirare l'antiquariato, i prodotti locali, l'abbigliamento, borse e scarpe. Dopo una mattinata piena di attività al mercato ci si può poi concedere un gustoso pranzo in uno degli invitanti ristorantini nei vicoli storici di Sirmione. Vengono organizzate quotidianamente gite per esplorare i più bei luoghi nei dintorni di Sirmione, senza contare le gite in barca. Le rovine della più grande ed importante villa romana del nord Italia si trova sull'ultima delle tre colline di Sirmione. L'edificio si innalza su tre piani, dei quali sono rimaste soltanto le mura portanti e le colonne. Tra i luoghi d'interesse principali ci sono il piccolo Museo vicino all'entrata che ospita diversi reperti come oggetti in bronzo, monete, sculture e frammenti di graffiti. Un ulteriore edificio importante è il Castello degli Scaligeri di Sirmione con le tipiche merlature a coda di rondine, che fu costruito come protezione della parte inferiore del Lago di Garda e le flotte al porto. 

Trenino Rosso Del  Bernina

 Il trenino rosso del Bernina parte da Tirano a 429 metri sul livello del mare e con un percorso di circa 60 km attraversa tutte le fasce vegetazionali delle Alpi. Arriva ai 2253 metri del passo del Bernina (fermata Ospizio Bernina) per scendere in modo più graduale e dolce ai circa 1800 metri di St. Moritz. E' l'unico treno d'Europa che scala la montagna a ruota libera senza cremagliera, a scartamento ridotto. E' entrato a far parte del patrimonio mondiale dell'Unesco nel 2008.Il percorso è vario, le soste, le visite e le passeggiate che si possono fare sono molteplici e variano a seconda della stagione, dell'innevamento, delle condizioni fisiche di ciascuno di noi e del tempo a disposizione. Decidere "a tavolino" non è semplice. Forse la cosa migliore è venire con noi in andata da Tirano a St Moritz. Ti indicheremo le soste, ti daremo i tempi di percorrenza e le indicazioni. Di seguito le tappe principali:Lasciata la stazione di Tirano e dopo essere passato a fianco dell'elegante santuario della Madonna di Tirano, il trenino rosso si addentra nella Valle di Poschiavo in territorio svizzero. E' questo il tratto più ripido che permette al trenino di superare il dislivello di oltre 1800 metri per arrivare al passo del Bernina.Dopo pochi km dalla partenza, in territorio svizzero, il trenino supera il famoso viadotto di Brusio, simbolo della tratta ferroviaria. Il viadotto elicoidale, un vero gioiello architettonico e ingegneristico, è stato realizzato per permettere al treno di superare il dislivello, allungandone il percorso, unica alternativa possibile alla cremagliera. Il trenino rosso del Bernina riesce infatti a scalare la montagna senza alcun utilizzo di cremagliera (ruota dentata) e raggiunge la pendenza del 7% (ogni 100 metri riesce a superare un dislivello di 7 metri in altitudine).Superato il primo tratto della valle si incontra il lago di Poschiavo a quasi 1000 metri sul livello del mare. La valle si allarga e in lontananza, a destra dei contrafforti del gruppo del Bernina, si vede il passo omonimo, punto sommitale del percorso. (La fermata di Miralago o quella successiva di Le Prese permettono una bella passeggiata attorno al lago)Superato il lago il trenino attraversa una vasta prateria prima di arrivare a Poschiavo, bel borgo da cui il nome della vallata, a circa 1000 metri sul livello del Da Poschiavo il trenino si inerpica sulla pendice della montagna seguendo un percorso diverso da quello della strada e permettendo una vista sulla Valposchiavo e giù, fino alla Valtellina, davvero mozzafiato. Il trenino per guadagnare quota entra in vari tornanti permettendo di apprezzare il panorama sia da destra che da sinistra. Passa attraverso i maggenghi ben curati della valle e nei boschi a prevalenza di abete rosso.Raggiunta quota di circa 1700 metri sul livello del mare il trenino arriva a Cavaglia, un'amena conca per passeggiate e per la visita al parco delle marmitte dei Giganti. Link La tappa successiva, dopo che il bosco di abete rosso ha lasciato il posto al bosco di larici, è Alp Grum a 2091 metri. La vista sul ghiacciaio del Palù, della valle di Poschiavo fino alle cime valtellinesi, la possibilità di fare passeggiate per raggiungere alcuni rifugi non lontani o per sostare nel ristoro della stazione, fa di questa tappa una tra le più significative dell'intero percorso.Lasciata Alp Grum il trenino supera il limite del bosco e tra i pascoli di alta montagna arriva al passo del Bernina, e costeggia un lago artificiale detto lago Bianco. Il colore lattigginoso dell'acqua è dovuta alla "farina glaciale" del ghiacchiaio del Cambrena appena sopra. Prima di iniziare la discesa un cartello indica il punto di spartiacque tre il mare Mediterraneo e il mar Nero.Dopo lo sbarramento del lago Bianco la discesa diventa dolce tra i pascoli di montagna. Il lago Nero e il lago Piccolo che subito si incontrano sono due laghetti naturali alpini alimentati da ruscelli e non da acqua di ghiacciaio come avviene per il lago Bianco. Da qui il differente colore e la differente trasparenza dell'acqua.Dopo aver lasciato la partenza delle due funivie Lagalb e Diavolezza il trenino rosso abbassandosi di quota e con un ampio tornante arriva in prossimità del maestoso gruppo del Bernina, la cui cima principale, il pizzo Bernina raggiunge i 4049 metri sul livello del mare. I ghiacchiai che rivestono il gruppo montuoso terminano con la lingua glaciale di Morteratsch il cui impressionante ritiro nell'ultimo secolo è ben visibile dalla morena glaciale sulla pendice della montagna.La fermata di Morteratsch è consigliata a chi vuole fare una semplice passeggiata di circa un'ora fino alla base del ghiacciaio, nel cuore del gruppo del Bernina. Interessanti i pannelli indicatori del ritiro del ghiacchiaio.Il trenino attraversa bei boschi a prevalenza di pino cembro per arrivare a Pontresina, allo sbocco della val Roseg, ideale per passeggiate (anche servizio di carrozze con cavalli. Link). Pontresina con St. Moritz è stata luogo di villeggiatura per la ricca clientela del tempo: gli imponenti e raffinati alberghi ne sono testimonianza.Dopo una sosta un po' più lunga del solito (a Pontresina c'è la coincidenza per i treni che vanno verso la Bassa Engadina o Coira e ritorno a Tirano) il trenino rosso è ormai arrivato a destinazione. A breve si incontra l'Engadina e dopo aver girato verso ovest, lasciata la caratteristica chiesetta di San Gian dai due campanili (di cui quello più grande senza tetto) il trenino arriva in stazione a St. Moritz a 1775 metri sul livello del mare. 

 

Newsletter



oppure
oppure